Frederika Randall, Internazionale 994, 5 aprile 2013.
Grazie a http://leviscere.tumblr.com per la foto.

Frederika Randall, Internazionale 994, 5 aprile 2013.

Grazie a http://leviscere.tumblr.com per la foto.

Agnese Codignola, Trauma nascosto, l’Espresso, 11 aprile 2013.

Agnese Codignola, Trauma nascosto, l’Espresso, 11 aprile 2013.

Guia Soncini, Obbligo di colpa, Gioia, 4 aprile 2013.

Guia Soncini, Obbligo di colpa, Gioia, 4 aprile 2013.

rhrealitycheck:

How to confuse anti-abortion protestors with one question.

(Source: pkvibin)

The Good Wife

- At the end of the night, Cardinal James is going to make a choice. He’s going to shake hands with one candidate and he’s going to hug the other. Historically, that hug means a bump of 800,000 Catholic votes. You need those votes to beat Kresteva.

- So, I shouldn’t mention abortion?

Death of a Client (Season 4, Episode 16)

“L’inferno dell’aborto sono gli altri”. Con questa breve frase, stampata nero su bianco sulla quarta di copertina, si può riassumere il senso dell’ultimo libro di Chiara Lalli, filosofa e giornalista. “A. La verità, vi prego, sull’aborto” (Fandango edizioni) è un viaggio attraverso gli stereotipi costruiti attorno alla decisione di interrompere una gravidanza, un’indagine sulle false credenze e sulle ricerche spacciate per scientifiche e sullo stigma sociale che ancora perseguita le donne che decidono di abortire.
Lei scrive che non esistono prove scientifiche della sindrome post-aborto (Spa). Questo significa che una donna che abortisce non è condannata a stare male. Perché allora continuano a essere pubblicate ricerche che insistono su questa sindrome?Non c’è alcuna evidenza scientifica per questa sindrome, secondo la quale l’aborto è intrinsecamente un trauma e quindi chi ci passa è destinata a soffrire e se dice il contrario in realtà mente. Ci sono alcune ricerche, come quella dell’American public health association meeting, che dimostrano che non c’è alcuna connessione causale tra l’aborto e il rimorso. Altre invece, come quella della psichiatra Nada Logan Stotland, rivelano che abortire non diminuisce né causa problemi psichici. Quel che rende difficile o faticoso l’aborto sono le circostanze, come la presenza di un conflitto o di una modalità traumatica nel concepimento e lo squallore di molte strutture pubbliche.

Il Fatto Quotidiano, 29 marzo 2013.

“L’inferno dell’aborto sono gli altri”. Con questa breve frase, stampata nero su bianco sulla quarta di copertina, si può riassumere il senso dell’ultimo libro di Chiara Lalli, filosofa e giornalista. “A. La verità, vi prego, sull’aborto” (Fandango edizioni) è un viaggio attraverso gli stereotipi costruiti attorno alla decisione di interrompere una gravidanza, un’indagine sulle false credenze e sulle ricerche spacciate per scientifiche e sullo stigma sociale che ancora perseguita le donne che decidono di abortire.

Lei scrive che non esistono prove scientifiche della sindrome post-aborto (Spa). Questo significa che una donna che abortisce non è condannata a stare male. Perché allora continuano a essere pubblicate ricerche che insistono su questa sindrome?
Non c’è alcuna evidenza scientifica per questa sindrome, secondo la quale l’aborto è intrinsecamente un trauma e quindi chi ci passa è destinata a soffrire e se dice il contrario in realtà mente. Ci sono alcune ricerche, come quella dell’American public health association meeting, che dimostrano che non c’è alcuna connessione causale tra l’aborto e il rimorso. Altre invece, come quella della psichiatra Nada Logan Stotland, rivelano che abortire non diminuisce né causa problemi psichici. Quel che rende difficile o faticoso l’aborto sono le circostanze, come la presenza di un conflitto o di una modalità traumatica nel concepimento e lo squallore di molte strutture pubbliche.

Il Fatto Quotidiano, 29 marzo 2013.


States Chipping Away at Roe v. Wade


North Dakota’s governor on Tuesday signed a law that would essentially ban all abortions in the state. A number of other states in recent years have passed restrictions on abortions that strike at the foundation of abortion rules set out by Roe v. Wade and other Supreme Court rulings, which give women the right to an abortion until the fetus is viable outside the womb, usually about 24 weeks into pregnancy.
North Dakota’s governor on Tuesday signed a law that would essentially ban all abortions in the state. A number of other states in recent years have passed restrictions on abortions that strike at the foundation of abortion rules set out by Roe v. Wade and other Supreme Court rulings, which give women the right to an abortion until the fetus is viable outside the womb, usually about 24 weeks into pregnancy.
FARGO, N.D. — Gov. Jack Dalrymple of North Dakota approved the nation’s toughest abortion restrictions on Tuesday, signing into law a measure that would ban nearly all abortions and inviting a legal showdown over just how much states can limit access to the procedure.
Mr. Dalrymple, a Republican, signed three bills passed by the Republican-controlled Legislature in Bismarck. The most far-reaching law forbids abortion once a fetal heartbeat is “detectable,” which can be as early as six weeks into a pregnancy. Fetal heartbeats are detectable at that stage of pregnancy using a transvaginal ultrasound.
Most legal scholars have said the law would violate the Supreme Court’s finding in Roe v. Wade that abortions were permitted until the fetus was viable outside the womb, generally around 24 weeks. Even some leaders of the anti-abortion movement nationally have predicted that laws banning abortion so early in pregnancy are virtually certain to be declared unconstitutional by federal courts.
“Although the likelihood of this measure surviving a court challenge remains in question, this bill is nevertheless a legitimate attempt by a state legislature to discover the boundaries of Roe v. Wade,” Mr. Dalrymple said in a statement. The Supreme Court, he added, “has never considered this precise restriction” in the heartbeat bill.
“I think there’s a lot of frustration in the pro-life movement,” said Paul B. Linton, a constitutional lawyer in Illinois who was formerly general counsel of Americans United for Life. “Forty years after Roe v. Wade was decided, it’s still the law of the land.”
The new laws place North Dakota, for the moment at least, at the center of sharp efforts in several Republican-controlled states to curb abortion rights. Three weeks ago, Arkansas lawmakers adopted what at the time was the country’s most stringent abortion limit, also tied to detection of a fetal heartbeat and banning the procedure at 12 weeks of pregnancy. That is the point at which a heartbeat can be detected using an abdominal ultrasound.

New Laws Ban Most Abortions in North Dakota, The New York Times, March 26, 2013.

FARGO, N.D. — Gov. Jack Dalrymple of North Dakota approved the nation’s toughest abortion restrictions on Tuesday, signing into law a measure that would ban nearly all abortions and inviting a legal showdown over just how much states can limit access to the procedure.

Mr. Dalrymple, a Republican, signed three bills passed by the Republican-controlled Legislature in Bismarck. The most far-reaching law forbids abortion once a fetal heartbeat is “detectable,” which can be as early as six weeks into a pregnancy. Fetal heartbeats are detectable at that stage of pregnancy using a transvaginal ultrasound.

Most legal scholars have said the law would violate the Supreme Court’s finding in Roe v. Wade that abortions were permitted until the fetus was viable outside the womb, generally around 24 weeks. Even some leaders of the anti-abortion movement nationally have predicted that laws banning abortion so early in pregnancy are virtually certain to be declared unconstitutional by federal courts.

“Although the likelihood of this measure surviving a court challenge remains in question, this bill is nevertheless a legitimate attempt by a state legislature to discover the boundaries of Roe v. Wade,” Mr. Dalrymple said in a statement. The Supreme Court, he added, “has never considered this precise restriction” in the heartbeat bill.

“I think there’s a lot of frustration in the pro-life movement,” said Paul B. Linton, a constitutional lawyer in Illinois who was formerly general counsel of Americans United for Life. “Forty years after Roe v. Wade was decided, it’s still the law of the land.”

The new laws place North Dakota, for the moment at least, at the center of sharp efforts in several Republican-controlled states to curb abortion rights. Three weeks ago, Arkansas lawmakers adopted what at the time was the country’s most stringent abortion limit, also tied to detection of a fetal heartbeat and banning the procedure at 12 weeks of pregnancy. That is the point at which a heartbeat can be detected using an abdominal ultrasound.

New Laws Ban Most Abortions in North Dakota, The New York Times, March 26, 2013.

Di aborto è quasi impossibile parlare. È un argomento rimosso dalle conversazioni private e guardato con ostilità nei dibattiti politici.Ogni tanto la cronaca interrompe questo silenzio, spesso quando accade qualcosa di inimmaginabile. È il caso di Leandro Aletti, che ha accolto alcune donne nel reparto Ivg di Melzo di cui era responsabile gridando «Assassine!» (il fatto è accaduto nell’ottobre 2009, il primario è stato denunciato per ingiuria, ndr), o i casi di Margherita e di Monica, inciampate in un meccanismo messo in crisi dall’altissimo numero di obiettori di coscienza.
L’aborto sembra rientrare in quello spazio angusto e ipocrita del «si fa ma non si dice», o peggio dell’ingenua credenza che fare finta di niente faccia scomparire ciò che ci disturba. Eppure nel 2011 sono state eseguite circa 110.000 interruzioni di gravidanza, nel 2010 quasi 116.000. Dal 2000 ad oggi sono quasi 1,5 milioni le interruzioni di gravidanza. I numeri sono in calo – sono addirittura dimezzati se si pensa che nel 1982 i casi erano stati 234.801 secondo la Relazione sull’interruzione volontaria di gravidanza - ma verosimilmente conosciamo molte donne che hanno abortito e non lo sappiamo perché di aborto è impossibile parlare.

La 27esima Ora, 25 marzo 2013.

Di aborto è quasi impossibile parlare. È un argomento rimosso dalle conversazioni private e guardato con ostilità nei dibattiti politici.Ogni tanto la cronaca interrompe questo silenzio, spesso quando accade qualcosa di inimmaginabile. È il caso di Leandro Aletti, che ha accolto alcune donne nel reparto Ivg di Melzo di cui era responsabile gridando «Assassine!» (il fatto è accaduto nell’ottobre 2009, il primario è stato denunciato per ingiuria, ndr), o i casi di Margherita e di Monica, inciampate in un meccanismo messo in crisi dall’altissimo numero di obiettori di coscienza.

L’aborto sembra rientrare in quello spazio angusto e ipocrita del «si fa ma non si dice», o peggio dell’ingenua credenza che fare finta di niente faccia scomparire ciò che ci disturba. Eppure nel 2011 sono state eseguite circa 110.000 interruzioni di gravidanza, nel 2010 quasi 116.000. Dal 2000 ad oggi sono quasi 1,5 milioni le interruzioni di gravidanza. I numeri sono in calo – sono addirittura dimezzati se si pensa che nel 1982 i casi erano stati 234.801 secondo la Relazione sull’interruzione volontaria di gravidanza - ma verosimilmente conosciamo molte donne che hanno abortito e non lo sappiamo perché di aborto è impossibile parlare.

La 27esima Ora, 25 marzo 2013.

«Non voglio un figlio, non voglio essere madre, non voglio un figlio solo perché mi è capitato». «Ma tutte le donne vogliono un figlio. Perché è naturale». «Non capisco. Posso accettare che sia naturale avere un figlio, ma non il desiderarlo. Com’è naturale ammalarsi o morire. Il desiderio è diverso».
La verità vi prego sull’aborto (Fandango edizioni) è uscito l’8 marzo. Avevo letto da tempo il libro diChiara Lalli, giornalista, filosofa, bioeticista, autrice di altri testi importanti su temi controversi e spesso passati sotto silenzio (tra cui vi segnalo: Buoni genitori. Storie di mamme e di papà gay e ancheC’è chi dice no. Dalla leva all’aborto. Come cambia l’obiezione di coscienza, entrambi Il Saggiatore). Eppure mi sono ritrovata a scriverne solo ora, senza aver smesso di pensarci un attimo, un solo giorno.
Quello di Chiara è molto di più che un libro coraggioso. È come il sasso che rompe il vetro del film di Bertolucci The Dreamers, dove i protagonisti, persi nel loro privato, sono costretti a confrontarsi con una realtà dirompente fuori di loro. Qui ciò che viene spezzato è un silenzio assordante, unito a un rumore ideologico e controproducente. «Di aborto non si parla quasi mai. Quando succede si abbassa lo sguardo e il tono della voce. A meno che non sia un dibattito pubblico, e allora i toni si infuocano: le donne assassine, lo sterminio degli innocenti, il genocidio legalizzato. Anche chi è a favore della legalità dell’aborto e della possibilità di scelta della donna è difficilmente a proprio agio. Spesso ci si affretta a compilare un elenco di attenuanti per la decisione di abortire, per poi aggiungere: È comunque un trauma».
La tesi di Chiara è radicale e insieme limpida e logica: non è vero che ogni donna desidera un figlio. E di conseguenza non è vero che l’aborto, quello precoce, è per forza un dolore, una cosa terribile che lascerà cicatrici per sempre. Può essere un sollievo, profondo, vero.


Elisabetta Ambrosi, Sex and (the) stress, Vanity Fair, 25 marzo 2013.

«Non voglio un figlio, non voglio essere madre, non voglio un figlio solo perché mi è capitato». «Ma tutte le donne vogliono un figlio. Perché è naturale». «Non capisco. Posso accettare che sia naturale avere un figlio, ma non il desiderarlo. Com’è naturale ammalarsi o morire. Il desiderio è diverso».

La verità vi prego sull’aborto (Fandango edizioni) è uscito l’8 marzo. Avevo letto da tempo il libro diChiara Lalli, giornalista, filosofa, bioeticista, autrice di altri testi importanti su temi controversi e spesso passati sotto silenzio (tra cui vi segnalo: Buoni genitori. Storie di mamme e di papà gay e ancheC’è chi dice no. Dalla leva all’aborto. Come cambia l’obiezione di coscienza, entrambi Il Saggiatore). Eppure mi sono ritrovata a scriverne solo ora, senza aver smesso di pensarci un attimo, un solo giorno.

Quello di Chiara è molto di più che un libro coraggioso. È come il sasso che rompe il vetro del film di Bertolucci The Dreamers, dove i protagonisti, persi nel loro privato, sono costretti a confrontarsi con una realtà dirompente fuori di loro. Qui ciò che viene spezzato è un silenzio assordante, unito a un rumore ideologico e controproducente. «Di aborto non si parla quasi mai. Quando succede si abbassa lo sguardo e il tono della voce. A meno che non sia un dibattito pubblico, e allora i toni si infuocano: le donne assassine, lo sterminio degli innocenti, il genocidio legalizzato. Anche chi è a favore della legalità dell’aborto e della possibilità di scelta della donna è difficilmente a proprio agio. Spesso ci si affretta a compilare un elenco di attenuanti per la decisione di abortire, per poi aggiungere: È comunque un trauma».

La tesi di Chiara è radicale e insieme limpida e logica: non è vero che ogni donna desidera un figlio. E di conseguenza non è vero che l’aborto, quello precoce, è per forza un dolore, una cosa terribile che lascerà cicatrici per sempre. Può essere un sollievo, profondo, vero.

Elisabetta Ambrosi, Sex and (the) stress, Vanity Fair, 25 marzo 2013.